Cari lettori,

ispirata dall’attività scolastica di mio figlio, presso la scuola materna, dedicata all’impegno giornaliero di compilare il calendario didattico, ne ho cercato uno in rete, a misura di casa.

Infatti, il calendario scolastico che utilizzano in classe è un progetto in cartoncino, ber curato e realizzato dalle insegnanti. Giornalmente a turno, i bambini, cambiano il numero del giorno, il giorno della settimana, eventualmente il mese e qualche altra opzione.

Dopo una scrupolosa ricerca dedicata a qualcosa di valido ma non troppo dispendioso, su Amazon mi sono imbattuta in questo articolo di Legnoland. Continue reading

Che meraviglia aver scoperto questo libro sui dinosauri!
Un piccolo scrigno ricco di giochi: il T-REX da costruire con le sagome, gli scenari da animare con gli stickers, il labirinto preistorico e tanti altri giochi!

Al suo interno ci sono: 12 pagine ricche di attività  + 8 pagine con sagome + 4 pagine con stickers. Continue reading

Questa settimana, con il maestro di Ed. Motoria, i ragazzi hanno realizzato le PETECA, con le quali hanno poi svolto diversi giochi in campo!

Ma cosa sono le Peteca?
La Peteca ha origini antiche tra gli Indios Brasiliani e ad oggi è in Brasile che ne sono state scritte le regole ufficiali.
La Peteca non richiede un grande impegno fisico sia a livello cardiovascolare che di coordinamento, per questo è adatta a tutte le età e può costituire l’attività motoria principale o secondaria da praticare sia nelle scuole che in circoli sportivi e ricreativi come attività sia ludica che agonistica”. (Fonte: agosport)

Come si gioca?
“Una partita di Peteca si disputa al meglio di tre set, in singolo o doppio. Il primo giocatore(o la prima coppia) che segna dodici punti vince il set. Una partita può durare un massimo di venti minuti. Se nessuna delle squadre ha raggiunto il punteggio richiesto, la vittoria è data alla squadra con il maggior numero di punti. Continue reading

E se un album di figurine diventasse uno strumento di lavoro didattico?
Che gioia per i piccoli!
Dunque, perchè non sfruttare questa risorsa ludica e trasformarla in una potenzialità formativa?

Sicuramente uno stimolo per i bambini in età prescolare, quindi dai 4/5 anni in su, ma anche per i bambini con difficoltà e/o diversamente abili. Certamente un attività di sostegno divertente.

Cosa occorre?
– Un album di figurine da scegliere insieme ai bambini. Ad esempio: album di calciatori, animali, cartone preferito… etc.
– Confezioni di figurine, da acquistare un pò per volta. Magari come premio per qualche attività svolta correttamente a scuola o in casa. Continue reading

Oggi, insieme alle colleghe di italiano e storia (io insegno matematica e scienze), abbiamo accompagnato i ragazzi di 4° elementare a visitare i pozzi presenti sul nostro territorio.
E’ stata una ricca esperienza, ludica e formativa, per conoscere la storia dei pozzi attraverso la voce delle guide e di coloro che sono diventati custodi di questi pezzi di storia.

La mattinata è stata divisa in due momenti:
– Giro per le vie del centro storico alla ricerca dei pozzi.
– Attività manipolativa: costruiamo un pozzo! Continue reading

Wow, un bellissimo volute per imparare giocando! Come piace a me!

Questo libro è stato regalato a mio figlio, acquistato presso una cartoleria ben fornita.

“Unisci i puntini e colora” è un classico che spesso, noi adulti, ritroviamo sui libri di enigmistica.
Questo gioco invece è tutto per i più piccoli. Non può che divertili e stimolarli allo stesso tempo. Continue reading

Tanti bambini incontrano difficoltà ad utilizzare la forbici per ritagliare figure.
Quel che a noi grandi sembra una cosa così lontana dall’essere complesso, per alcuni bimbi non è così. Hanno infatti bisogno di tanta esercitazione e altrettanta pazienza da parte degli adulti, genitori ed insegnati, per imparare ad usare e amare questo strumento.

Proprio per far esercitare, divertendosi, mio figlio di 5 anni, ho acquistato questo stupendo volume dal titolo “Tante Maschere”, un libro che contiene tante schede da strappare, per essere colorate, ritagliate e poi trasformate in vere e proprie mascherine aggiungendo gli elastici. Continue reading

Photo di “www.lafigurina.com”

Ciao lettori, eccomi con un’idea da “sfruttare” per alleggerire le materie scientifiche.

Con il programma di scienze della classe 4° elementare stiamo studiando le piante. Per rendere più creativa la lezione, ho proposto ai ragazzi di realizzare delle piantine grasse. Continue reading